4 Cose da non fare prima di uno shooting fotografico

Spesso il giorno prima di un servizio fotografico la pelle può giocare brutti scherzi: possono infatti comparire brufoli, irritazioni, secchezza e arrossamenti. 
Che fare? Non affidarsi ai falsi miti e al fai da te per non peggiorare la situazione. 

A qualunque modella (ma anche modello!) sarà capitato almeno una volta di avere la pelle decisamente impresentabile, e proprio a ridosso di uno shooting. 

So che la tentazione di affidarsi al fai da te può essere forte, ma ti consiglio di non farlo, perchè questi rimedi non fanno altro che peggiorare la situazione! 

Ecco qui una serie di falsi miti che puoi aver sentito per fronteggiare le imperfezioni della pelle: 

1 – Schiacciare o mettere del dentifricio sul brufolo comparso all’ultimo minuto.

Entrambi i rimedi possono peggiorare il problema, con il risultato di irritare la pelle. Infatti schiacciare un brufolo spesso porta ad aumentare l’infezione e l’infiammazione nell’area circostante, provocando la comparsa di più imperfezioni. Inoltre farlo con le mani non pulite fa sì che con lo schiacciamento entrino anche i batteri presenti nelle dita, provocando ancora infezione. 

Considera anche che in alcuni casi il brufolo, una volta spremuto, lascia la macchia. 

Il dentifricio invece, che contiene in genere Triclosan e Mentolo, a volte fa seccare il brufolo ma irrita la pelle. 

Sul set, anche se il brufolo dovesse essere ancora dov’è nato, verrà coperto con un po’ di fondotinta, con un discreto risultato, per poi essere eliminato in fase di post produzione fotografica.

2 – Succo di limone sul viso ed evitare di mettere la crema per opacizzare la pelle grassa e lucida. 

Fermo restando che è sempre meglio capire perchè una pelle si è ingrassata improvvisamente, questi due rimedi non risolvono il problema. 

Il succo di limone è troppo acido per la pelle, col risultato che la irrita. 

La pelle grassa con le sue lucidità può far pensare che non ha bisogno della crema: in realtà è una di quelle che ne ha più necessità.

3 – Troppi scrub e maschere “fatti in casa” per rimediare alla pelle secca e spessa.

Crearsi maschere e cosmetici in casa non è sempre la cosa ideale. Per un solo e semplice motivo: non sappiamo formularli nella maniera corretta per rispettare il nostro pH (che è quel numero che ci indica che la pelle è in equilibrio). 

Se sbagliamo infatti le dosi o combiniamo tra loro ingredienti incompatibili, rischiamo di sensibilizzare la pelle. 

Lo scrub in linea di massima può essere un aiuto in più ma deve essere delicato per poter essere utilizzato spesso: se è troppo aggressivo infatti la pelle può reagire irritandosi oppure ispessendosi. 

4 – Usare solo prodotti naturali e biologici se la pelle si è irritata. 

E’ ormai abbastanza diffuso il mito secondo cui se un prodotto è naturale allora è amico della pelle, se è “chimico” la danneggia. 

La realtà è che ci sono moltissime sostanze naturali che possono essere causa di irritazioni, quindi ciò che andremo a scegliere deve andare a risolvere il problema, a prescindere se è naturale o chimico. 

Infatti in casi di sensibilizzazioni particolari, dermatiti, secchezza non è del tutto strano utilizzare prodotti con al loro interno la tanto demonizzata paraffina. La paraffina è poco affine alle reazioni, quindi ben tollerata. Crea una sorta di strato protettivo sulla pelle, impedendo che essa perda eccessivamente l’idratazione e non peggiora la sua condizione. Questo ingrediente va quindi usato solo per risolvere il problema. 

In questo articolo ti ho spiegato perchè ricorrere al fai da te in caso di imperfezioni crea più danni che benefici. 

Nel prossimo articolo invece ti darò poche ma semplici regole per fronteggiare qualsiasi imprevisto ti possa capitare con la pelle.

Default image
Martina Vencato
Makeup Artist ed Estetista diplomata specializzata nella cura e preparazione della pelle. Oltre al makeup correttivo e sposa, si occupa del trucco per shooting, ADV e sfilate. E’ formatrice presso gli istituti professionali di estetica e tiene workshop rivolti ai professionisti del mondo della fotografia e della moda, in particolare a modelle e influencer.